Test ON-LINE per amalgama

Rimozione+Protetta+Amalgama

Rimozione+Amalgama+Dentale+in+Quadrupla+Protezione+e+massima+sicurezza

Avvertenza: da noi la sicurezza del paziente, degli operatori e dell'ambiente e' basilare, quasi sacra! Ogni rimozione d'amalgama e' considerato un "evento" di estrema importanza! Nulla e' lasciato al caso quando si tratta di mercurio e tallio (due dei metalli piu' tossici al mondo).

 

Per altre informazioni clicca QUI 

 

 Attenzione: in caso di rimozione d’amalgama bisogna andare veramente cauti. In questo campo non si scherza, non s’improvvisa, non c’è spazio per gli impreparati, per gli ultimi arrivati e tanto meno per chi ha fiutato il business! Nella fattispecie, lo scopo è rimuovere l'amalgama limitando al massimo lo sviluppo di vapori di mercurio e chelare quello ancora presente negli organi interni.


Si parla spesso della rimozione terapeutica dell'amalgama dentale ma un'intossicazione acuta di mercurio prodotta dalla vaporizzazione dell'amalgama rimossa, che si aggiunga all’intossicazione cronica a causa delle micro-dosi rilasciate per anni dalle stesse otturazioni presenti in bocca, non è di beneficio in nessun caso. Essa è sempre da temere così come qualsiasi altro episodio d’intossicazione acuta da vapori di mercurio e, infatti, può risultare addirittura devastante in un certo numero di pazienti già particolarmente intossicati.


Ecco allora, in breve, gli “strumenti minimi” per raggiungere l'obiettivo: diga di gomma, fresa in carburo di tungsteno (nuova) a ogni rimozione di amalgama, doppio aspiratore chirurgico a meno di 1 cm. dall'amalgama, rimozione in pezzi più grossi possibili, abbondantissima irrigazione d’acqua, copertura del volto e degli occhi del paziente, soluzione di argento colloidale “a fiumi”.


Con questo la stragrande maggioranza del lavoro, almeno per il 90% dei casi è fatta; restano ancora da considerare i mezzi di protezione individuale degli operatori e la fornitura d’aria al paziente e agli operatori. La rimozione delle otturazioni dentali d’amalgama, essendo affidata all'intervento del trapano, è un’operazione a elevato rischio a causa della vaporizzazione del mercurio contenuto nelle otturazioni stesse; quest’attività richiede la gestione della sicurezza con enorme attenzione!


N. B. : Pre-requisito indispensabile per qualsiasi intervento di rimozione dell’amalgama è la lettura da parte del paziente del "Protocollo di rimozione protetta" che segue.



Protocollo+di+rimozione+protetta+dell%27amalgama+dentale

COINSIGLI PRIMA DI INIZIARE

 

  • Si inizia sempre con un preliminare dialogo tra il paziente e il dentista (che deve avvenire con reciproca fermezza e rispetto).
  • Studiare le informazioni fornite prima degli appuntamenti e parlare ogni volta con il dentista per ALLINEARVI sulle precauzioni anche se precedentemente accordati. Non dare per scontato niente!
  • Mantenere almeno, 1-2 evacuazione delle feci il giorno durante tutto il periodo delle rimozioni per evitare un riassorbimento intestinale delle tossine.


OPERAZIONE DI RIMOZIONE DELL’AMALGAMA DENTALE


Per ogni amalgama da rimuovere NOI utilizziamo, in ogni caso, il Protocollo Internazionale di ''RIMOZIONE IN QUADRUPLA PROTEZIONE'' della GZM (Società Internazionale di Odontoiatria Olistica), consistente in 10 step:

 

  • iniziare la terapia bio-omeopatica di protezione;
  • fare indossare al paziente occhiali e protezioni per il viso e i capelli;
  • disincastonare l'amalgama senza scaldarla e limarla troppo;
  • eseguire ogni operazione di limatura, possibilmente, con adozione di sistemi ingrandenti (microscopio, occhialini prismatici, ecc.);
  • utilizzare tubicini nasali per creare una ''pressione positiva'' che impedisce la involontaria inalazione di vapori di mercurio;
  • utilizzare l'aspirazione ad alta velocita'/anello liquido e l'aspiratore a cannula ad alta capacita' aspirante;
  • utilizzare la diga di gomma pesante (viola senza lattice) e assicurarsi della sua perfetta tenuta ermetica, eventualmente utilizzando anche la "diga liquida" per essere certi della tenuta anti-mercurio;
  • definire la sequenza temporale delle varie rimozioni;
  • chelare i metalli pesanti con terapia naturale dopo ogni rimozione di amalgama;
  • alla fine delle rimozioni di tutte le amalgame, eseguire un mineralogramma con microscopico a luce polarizzata.

 

Per maggiori informazioni ci contatti. Occorre non sottovalutare il problema amalgama, basta fare un giro sul WEB per rendersi conto di quante persone abbiano cambiato vita "bonificando" la loro bocca.